Vita di coltre


In sonno corrono storie,
Si svolgono angosce
Come da velluto perle.
Immobile il corpo vive
Tra le palpebre sconfitte
Animazioni sonore.
Senza coda le emozioni
Dagli alberi contorti
Scendono evolute.
Ossessioni profonde
Dai sensi carnali
Giocano pure.
Ricordi e timori stanno
Tra le braci ardenti
Del cuore stanco.
Sorrisi e non più visi
Su concavi sguardi
Rapiscono sospiri.
Presto s’arriva Veglia
Levando la coltre
E tutto disperde.