Nuovi orizzonti.2


Ah sì, certo… Questa sarebbe il mio premio di consolazione? Ma quanto si deve essere disperati per farsi accoppiare così? La disilludo subito, non ho voglia di fare la spalla a una donna affamata d’amore!
“Rocco, tesooro. Ti presento questo gioiello di ragazza. Vieni qui, non nasconderti! Su, questa è Giada. Eh? Che ti pare?”
Guarda un po’ come sgrana gli occhi, è inorridita, potrei quasi divertirmi! Non l’aiuto, non dico niente, la fisso in attesa, vediamo come esce da questa presentazione grottesca.
Mi osserva ostile, si sgancia con uno strattone dalla presa ferrea di Sara e con un ghigno mi affronta.
“Ciao. Rocco. Non so chi tu sia, mai sentito il tuo nome. Bene, evidentemente siete abbastanza intimi, quindi vi lascerò presto. Ho fame però, sarà meglio che non me ne vada a stomaco vuoto.”
Quasi mi ringhia e poi mi fa un occhiolino. Del tipo “so cosa c’è sotto”.
Mi intriga mio malgrado e sogghigno, ma dura poco, perché mi arriva come un fulmine al cervello la comprensione di ciò che ha sottinteso: intimi?
“Ehi, Giada vero?” Anch’io non so chi tu sia, uno.
“Credo che sia opportuno chiarire la mia conoscenza con Sara: siamo colleghi o meglio lo eravamo…” e ora devo raccontare che mi hanno licenziato e che sono un perdente? Cazzo!
“Comunque, anch’io ho fame e credo che Sara non ci farà restare a stomaco vuoto e penso che se potesse farlo senza apparire troppo evidente, lascerebbe lei casa propria per lasciarci soli.” Mi volto e inchiodo la colpevole. “Vero, tesooro?”
La mia ex collega, e probabilmente ex amica, ha il buon senso di arrossire, bene!
“Voi giovani, complicate sempre tutto. Ci credo che poi tocca a noi grandi aiutarvi a sistemarvi.” sorride sorniona.
“Non serve! Lo sapevo..” la ragazza si inalbera e mi guarda, con uno sguardo nuovo, complice? Forse la cosa potrebbe evolversi diversamente, peccato io non abbia tempo per cazzeggiare, per fare il romantico e sbrogliarmi dai drammi o grattarci il prurito a vicenda e poi sbrogliarmi dai drammi. No, no, manco ci vado vicino. Stasera finisce prima di cominciare e le signore dovranno capirlo subito.
Dev’essersi accorta che ho cambiato atteggiamento perché le è tornato quello sguardo, quello omicida. Meglio.
Sara ci accomoda al tavolo tondo in soggiorno, tutto esageratamente imbandito, la solita pretenziosa.
Cerco di scegliere il posto, ma l’intrgante piazza i suoi ospiti frontalmente e lei tra noi. Sembra un boss, non fosse per quegli occhiali da civetta, la cotonatura iperbolica e le unghie rosa chewingum.
Sbuffo, lancio un’occhiataccia alla ragazza che non se l’aspettava. Mi guarda, stringe la bocca, carnosa, e assotiglia lo sguardo, truce. Meglio.
Ci tuffiamo sulla cena, come cani randagi davanti a una bistecca e capisco subito che adottiamo lo stesso escamotage: lasciamo blaterare la pazza e con gli occhi sul cibo, la bocca piena, ci teniamo impegnati abbastanza da non dover guardare né rispondere.
“Proprio una bella serata, lo sa.pe.vo! Siete così simili!” ci guardiamo accigliati con le guance in procinto di eplodere e cazzo, se rido la ricopro da capo a piedi! Lei, sogghigna e sono sicuro che mi rivolga lo stesso pensiero.
Si guarda intorno e agguanta un panino, poi con un occhiolino me lo passa. Questa è una sfida!
La fisso, alzo un sopracciglio e mentre sento un bla, bla , bla nell’orecchio destro decido. Ricambio l’occhiolino e potrei scommettere che le si sono dilatate le pupille. Calma ragazza.
Muovo la mandibola a destra e sinistra, mi preparo, lei già ride, pensa che mi coprirò di ridicolo. Apro la bocca e approfitto per farle un linguaccia prima di infilare il panino e sigillare le labbra. Ok, panico. Ci sta, ma come faccio a masticare senza che mi esploda la bocca?
Lei ride adesso, ride forte e Sara finalmente smette di ciarlare.
“Oh, tesoro! Che succede, non vorrai soffocare vero? Non ci si ingolfa così, è pericoloso! Ora rilassati e mastica leggermente, senza chiudere completamente i denti. Così, bravo. Vedi? Meglio?”
Mi dà colpetti sulla spalla, materna, che figura di merda! E la cosa peggiora è che mi scoccia davvero fare la figura del fesso con lei, ero io a dover.. vincere, o qualcosa di simile. Che imbecille!
Lei ride ancora, poi mi osserva e silenziosa inclina la testa. Mi sento inerme, non mi piace.
Voglio andarmene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...