Malinconia


Ci sono sogni, desideri custoditi nel cuore. Attese divenute illusioni. Nasce nel petto un dolore sordo per ciò che non è stato, il ricordo di un momento mai vissuto. Il fantasma di un sentimento intrappolato e caduto. La nostalgia graffia e lecca le ferite inferte. Un dolore così dolce da cercarne il tormento.

Nonna


Continuo a sognare la tua casa. C’è la chiave che mi lasci da qualche parte. Immancabilmente diventa difficile accedere. Le scale sono quasi impossibili o i vicini, non so perché, sono da evitare. So, nel sogno, che devo entrare senza che nessuno ne venga a conoscenza, cosa che mi ferisce. Il cielo si fa scuro e ho una pesantezza nel cuore, ma sono determinata nell’impresa: devo entrare in casa tua, la casa a cui penso per potermi rilassare, quando la testa viaggia troppo. Mi manchi sempre e rivivo la tua voce, la tua presenza vivace. Il mio bisogno di te nella mia vita, col dubbio di non essere abbastanza. Perché tu sei sempre stata la donna che più ho ammirato, la persona che ho amato e che mi ha ascoltato e visto. Restano i ricordi, ma ho perso i luoghi, le radici e anche quella casa, con le tracce di te che nessuno ha pensato fosse fondamentale tenere. Per me. Oggi sei nel mio cuore.

Come si spezza un cuore


Come puoi smettere di sanguinare dal cuore?
Come frenare il crollo di ogni illusione?
Precipitano come massi i sogni e non fanno rumore.

Spiegami, come fa un cuore a spezzarsi
senza che si senta il fragore?

Come steccare ali piegate dal dolore?
Come toccare anime partite?
Sono petali che s’alzano dal mio cuore.

Spiegami come fa un cuore a spezzarsi
senza che si senta il fragore?

Come fermare l’odore della passione?
Come immergersi nel tepore?
La pelle freme, ha sete, ma non si vende.

Come fa un cuore a spezzarsi
senza che si senta il fragore?
Spiegamelo, spiegami come fa
un cuore senza clamore.

 

 

Mal(incon)ìa


Malinconia è il senso di perdita,
tornare a un luogo,
a un dove di nebbia.

Malinconico il mio cuore
che aspetta e stringe
un impossibile dolore.

Nostalgico abbandono,
i sensi in allerta,
mani aperte sul vuoto.

Una brezza lontana,
un odore antico
risata argentata.

Sarà il volto perso,
il calore di un corpo,
un altro universo?

Malinconia è la certezza,
dell’unico amore
l’immutabile perdita.

Ricordo


Correvano sbuffi di candido vapore nel sole che accende le iridi del cielo.
La perfezione gratuita che non teme paragone, un sospiro d’estasi è il miglior complimento.
Intrecciavo le dita ai tuoi capelli e li lisciavo: odore di vento e giovinezza sul tuo viso arrossato e non c’era spettacolo che fosse più degno d’essere ammirato.
Quel silenzio di respiri m’inebriava i sensi e ancora ne vorrei da esserne ebbro.
Sento la seta che scivola sui palmi, memori delle tue ciocche impalpabili.
Nel mio stato immobile ripenso ai nostri corpi allacciati e un brivido caldo m’avvolge.
Non fermo la mano che consola, ma vorrei fossi tu, una volta ancora.

Blue Moon


Due Lune piene in un mese.. ecco la Blue Moon portatrice di sensazioni contrastanti, malinconia, nostalgia di cose perse, sfuggite.. lasciatevi trasportare allora i questa notte rara e non badate alla pochezza degli scatti, mi duole annotare che dal vivo è spettacolare.